SOS Acqua Stampa
Martedì 25 Febbraio 2020 09:23

8x1000 valdese

 

Pocopoco torna nelle scuole per raccontare ai ragazzi il mistero e la forza di uno degli elementi che fondano al nostra esistenza: l’acqua.
Con i fondi raccolti grazie al 5 per 1000 della cooperativa e al prezioso contributo proveniente dell’8 per mille della Chiesa Valdese vede il via “SOS Acqua”.

 

 

Il Progetto

SOS Acqua coinvolge oltre cento ragazzi tra gli 11 e i 13 anni in un percorso di sei mesi che alterna lezioni e laboratori d’aula, attività ed escursioni finalizzate ad acquisire consapevolezza, amore e rispetto per l’elemento fondamentale e insostituibile della vita sulla Terra.

Nello specifico il percorso prevede sei incontri in classe da due ore che attireranno l’attenzione dei ragazzi favorendo la partecipazione di tutti in un’ottica inclusiva attraverso:

  • Sperimentazioni scientifiche e ludiche sull’acqua
  • Racconto di un disastro ambientale o storie di vita legate all’acqua
  • Lavoro in gruppo per mettere in pratica comportamenti per un uso sostenibile delle risorse, imparando a comunicare agli altri con media moderni quanto appreso

classe

 

Le lezioni insisteranno sui diversi argomenti che ruotano intorno all’acqua:

Dalle proprietà fisiche alla meteorologia, dall’impronta idrica all’energia prodotta, dall’acqua da bere e quella da depurare, dai diritti dell’ONU all’acqua pulita per tutti ai conflitti legati all’”oro blu”, dalla gestione delle emergenze alle buone pratiche per prevenire disastri.

Le attività tuttavia non si limiteranno a questo, ma usciranno dai muri di scuola per far toccare con mano ai partecipanti gli effetti dell’uomo sull’ambiente. Saranno effettuate uscite didattiche sul territorio a toccare con mano come viene utilizzata e come va protetta questa preziosa risorsa.

 

L’acqua

Pochi millenni fa il filosofo Lao Tsu ci lasciava queste parole sull’acqua:

“Bisogna essere come l’acqua. Senza ostacoli corre, se trova una diga, allora si ferma. Se la diga si spezza, scorre di nuovo. In un recipiente quadrato, è quadrata. In uno tondo, è rotonda. Ecco perché l’acqua è più indispensabile di ogni altra cosa. Niente esiste al mondo più adattabile dell’acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.”

Ai giorni nostri queste parole sono valide più che mai con la loro duplice valenza. Da una parte ci ricordano del potenziale distruttivo di questa apparentemente placida sostanza, dall’altro raccontano la forza irresistibile di chi si sa adattare al mondo circostante.

Come l’acqua, le ultime generazioni ereditano il dovere di adattarsi ad un mondo in cui la sostenibilità e il rispetto per l’ambiente non sono più argomenti rimandabili, per questo occorre raccontare loro come fare pocopoco di più per un mondo migliore a partire dalle piccole cose e dalla conoscenza profonda di ciò che ci circonda.

 

slogan

 

I Primi incontri

Il nostro viaggio con “SOS Acqua” è già cominciato e non smettiamo mai di sorprenderci per la vitalità, la freschezza e la sete di conoscenza dei giovanissimi. Finora abbiamo toccato con mano l’impronta che il nostro stile di vita ha sull’ambiente, partendo dall’uso dell’acqua fino al più nascosto universo di consumi che si cela dietro un carrello della spesa.

Abbiamo riflettuto sulle sensazioni che il rumore dell’acqua genera in noi trovando un immenso intervallo di stati d’animo, dalla pace interiore fino al turbamento più angosciante.

Abbiamo rivissuto il ricordo del Vajont in un 1963 ancora troppo vicino grazie alle ricostruzioni di oggi e ai racconti di chi è voluto andare in fondo a questa catastrofe da alcuni archiviata troppo rapidamente alla voce “incidente”. Per capirlo abbiamo dovuto usare la fisica, ma sai che bello farlo quando tutto è un esperimento!


Vi aspettiamo per raccontarvi il seguito!

 

esperimento

Ultimo aggiornamento Venerdì 28 Febbraio 2020 15:14